L’Istituto vanta una biblioteca di oltre 10.000 volumi, specializzata in alcuni grandi temi storici della prima metà del Novecento (antifascismo e Resistenza – fascismo, nazismo e totalitarismo – seconda guerra mondiale, deportazione e Shoah), con una particolare attenzione riservata alle vicende locali.

Intitolata a Giorgio Gimelli, nel corso degli anni, anche in funzione della trasformazione dell’Istituto storico della Resistenza in Liguria in Istituto Ligure per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea essa però ha ampliato la sua sfera di interesse a temi relativi al secondo Novecento, con particolare riferimento alla storia italiana (Assemblea Costituente, ricostruzione, anni del boom, crisi degli anni Settanta), ma senza perdere di vista gli scenari internazioni, a cominciare naturalmente dalla Guerra fredda.

Di conseguenza la biblioteca, cui si affianca anche un’importante emeroteca e una piccola videoteca, ha acquisito una crescente rilevanza a livello cittadino per studenti, ricercatori, e per tutti coloro che, per studio, lavoro o interesse personale, vogliano indagare il nostro recente passato.

Aperta al pubblico dal lunedì al venerdì, la biblioteca dispone di una confortevole sala di lettura, oltre che di un servizio prestito (anche interbibliotecario) per tutti i volumi in buono stato di conservazione.