prefazione di A. Orlando

ILSREC, Genova,

2016

 

Il 21 ottobre 2015 si è svolta la giornata in ricordo di Giuliano Vassalli a cento anni dalla nascita. Giuliano Vassalli. Partigiano, Ministro, Giurista, Presidente della Corte Costituzionale è stata organizzata dall’Istituto ligure per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea, in collaborazione con l’Università degli studi di Genova, la Sezione ligure dell’Associazione nazionale  magistrati e il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Genova.

 “Giurista dalle molte esperienze”, come ebbe a definirsi, Giuliano Vassalli (Perugia, 1915- Roma, 2009)coniugò l’esercizio dell’avvocatura con una intensa attività scientifica, politica e istituzionale. Dal 1938 al 1985 insegnò diritto penale nelle Università di Urbino, Pavia, Padova, Genova, Napoli e Roma.Aderì alla Resistenza e dall’ottobre del 1943, come membro del Partito socialista clandestino, partecipò alla giunta militare centrale del Cln, contribuendo all’evasione di Giuseppe Saragat e Sandro Pertini dal carcere di Regina Coeli, azione costatagli la detenzione e la tortura nella famigerata sede della Gestapo di via Tasso. Deputato (1968-1972) e senatore (1983-1987) del Psi fu ministro di Grazia e Giustizia (1987-1991) e svolse un ruolo decisivo per l'introduzione del nuovo codice di procedura penale (1988), cui il suo nome resta legato. Nominato giudice della Corte costituzionale nel 1991, dal 1999 al 2000 ne ricoprì la carica di presidente.

 

Il volume raccoglie gli interventi di Paolo Comanducci, Giacomo Ronzitti, Mario Tuttobene, la prolusione di Giovanni Maria Flick e la prefazione del ministro della Giustizia Andrea Orlando.